Analisi delle esigenze formative

 

L’attività di analisi delle esigenze formative è un supporto strategico che Accademia BCC offre ai propri clienti proponendo un’analisi che unisce elementi quantitativi a conoscenze qualitative, per permettere l’identificazione delle esigenze formative attuali e prospettiche anche in considerazione del divario eventualmente rilevato tra i profili professionali esistenti e quelli attesi.

 

Come?

L’Analisi delle esigenze formative è da considerare strumento preliminare per giungere alla progettazione ed erogazione di interventi efficaci, corrispondenti alle reali esigenze degli individui e dell’azienda nel suo complesso. L’Analisi dei fabbisogni è, pertanto, anche uno strumento per ottimizzare l’importante investimento economico rappresentato dalla formazione.

Per un’analisi delle esigenze formative completa e il più possibile corrispondente alla realtà, si prendono in considerazione alcuni ambiti principali di analisi ovvero:

  • le realtà aziendale,
  • i bisogni espressi dai lavoratori,
  • i nuovi orientamenti/richieste del mercato,
  • l’offerta formativa nell'ambito del settore indagato.

Le metodologie e gli strumenti  di rilevazione:

  • Questionari strutturati (ai capi o al personale, a tutti o ad un campione, in presenza o on line)
  • Interviste individuali e di gruppo
  • Focus Group
  • Interviste ai Capi
  • Analisi delle informazioni sulle valutazioni professionali, potenziale, prestazioni

Tale attività di analisi è finalizzata a rilevare:

  • fabbisogni di formazione specialistica, ovvero di conoscenze a carattere tecnico indispensabili per affrontare e risolvere con successo le problematiche operative;
  • fabbisogni di formazione comportamentale, connessi al miglioramento del comportamento degli individui, per quanto connesso con i risultati professionali e con il funzionamento dell’azienda;
  • fabbisogni di formazione al ruolo, riferibili solitamente alla padronanza di strumenti gestionali da parte dei superiori;
  • fabbisogni di formazione commerciale, riferibili solitamente al presidio del territorio di operatività tipico delle BCC.

 

Risultati

  • Definizione delle linee/aree formative sulle quali delineare cataloghi formativi specifici per i fabbisogni espressi dall’azienda;
  • Valutazione in sede di progettazione:
    • dei contenuti degli interventi ipotizzati, in termini di conoscenze e di capacità da migliorare;
    • le relazioni fra conoscenze/capacità da incrementare/sviluppare e l’organizzazione, formale e sostanziale, dell’azienda;
    • i ruoli/livelli da coinvolgere nelle varie fasi temporali del progetto, e, quindi, le relative priorità di intervento;
    • le dimensioni del progetto formativo e la sua articolazione temporale nel corso di più esercizi;
    • le modalità didattiche più utili da adottare rispetto alle popolazioni ed alle dimensioni dell’attività, oltre che rispetto ai contenuti.